“Mi devono arrivare!”

E’ uno dei più odiosi stereotipi maschili: il legame tra ciclo mestruale e capacità di cognizione e relazione con il mondo da parte della donna…

Ho avuto colleghi di lavoro e "semiamici" (quel genere di persone con i quali passi del tempo, ma senza troppo impegno emotivo) che usavano espressioni come "uterina" o "mestruata" per indicare una donna, che magari non dava loro ragione anche quando avevano torto.

E’ un orrendo stereotipo maschile, dicevo…ma come lo zio Tom, ci cascano anche le donne. E’ in rotazione una pubblicità che dice "oggi sono proprio elettrica, si vede che mi devono arrivare". E non parla dello stipendio, ma delle mestruazioni.

Non so chi abbia progettato quello spot (peraltro imbecille come quasi tutte le pubblicità di assorbenti, da quella della pazza che appena ha messo il lineslady giusto corre in strada a giocare a pallone con i bambini, fino a quello con le quattro stronze che mettono un assorbente sul bocchettone del treno per non sentire l’odore degli operai intenti a lavorare in stazione), temo si tratti di un maschio. Ma le donne lo recitano senza timore, evidentemente.

E mi chiedo: possibile che non ci sia una di queste che abbia osato dire a mr Lineslady (o chi per lui). "ma che cazzo mi fai dire? che ne sai tu di come ci sentiamo? ma speri sul serio che qualche donna sana di mente compri i tuoi pannolini solo perchè mi fai dire queste stronzate?"

Marckuck

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Brontolamenti, borbottamenti e invettive, cronache dall'Andazzo, Società e costume. Contrassegna il permalink.

22 risposte a “Mi devono arrivare!”

  1. Rapida ha detto:

    Io, anche in quei giorni, sono Serena con le Ali.

    rido da sola…

  2. zauberei ha detto:

    Ahah! Hai ragione Marcuck! Però devo confessare che nei famosi giorni, la mia propensione a rompere le balle altrui lievita un po’. Perchè c’è sta faccenda del dolore fisico! allora se te sai che immancabile avrai il dolore fisico, finisce che l’animo ti si altera. Mi viene in mente che si dovrebbe ragionare sui luoghi comuni in termini di elasticità non di abbattimento totale e acritico. Che se no quelli poi te se rimagnano! (Marcuck sono romana perdonami)

  3. I Care ha detto:

    Il maschio (idea platonica di un certo tipo di uomo, che, con piacere, vedo contestata anche da molti uomini) ragiona con altri organi che non possono chiamarsi depositari della ragione e tende ad attribuire anche alle donne questo sistema di pensiero. Ti offro due perle di imbecillità sul tema: “streghe una volta al mese”, e (questa detta da un presunto “dotto” relatore durante un corso di aggiornamento al quale, e su questo sarebbe interessante riflettere, erano presenti solo donne e per giunta non esattamente giovanissime) “mi raccomando meno pausa” in riferimento del momento del break.

  4. manulea ha detto:

    Se fossi in una di quelle che hanno recitato nei suddetti spot (per un compenso di qualche milione di euro, beninteso), mi sarei fatta fare la plastica facciale. Perchè qua si tratta di qualcosa di più che perdere la faccia.
    Gli assorbenti con le molle… ih ih ih… solo un uomo può inventare una boiata del genere.
    Qualcuno senza cognizione di causa.

  5. bianca ha detto:

    Si’, le pubblicita’ sono imbecilli. Certo pero’ che quei giorni qualche dissesto lo provocano: un po’ di dolore e un’eccesso di perniciosa emotivita’ (tipo lacrime in momenti davvero inopportuni).
    Poi ci sono quelle fortunate: basta indossare un lines e vai con le ali (io invece gonfia e pesante, con o senza assorbente!)

  6. Pittrice ha detto:

    assorbenti marck…assorbenti.
    Non pannolini…
    Ripeti con me: A-SSO-RBEN-TI!

  7. marckuck ha detto:

    HO DETTO PANNOLINI VOLUTAMENTE…infatti all’inizio parlo di assorbenti, saccentina…

  8. giugiu ha detto:

    non so se avete notato….ma quegli spot vanno in onda principalmente a ore pasti!! concordo nel disgusto!

  9. Pfd'ac ha detto:

    La nostra cultura, e quindi la lingua, è sessista. Ormai anche le donne utilizzano il termine sfigata – riferito a se stesse o alle altre – senza preoccuparsi della sfumatura lesbica che ne consegue. Viene dal voler essere come gli uomini, liberi e belli, e dal considerare le altre donne – e in fondo in fondo anche se stesse – come un di meno rispetto all’essere maschile.
    Avere le mestruazioni certo un po’ è seccante e bisogna tenerne conto durante la giornata, però IN QUEI GIORNI penso anche che sto ‘funzionando bene’ e che è tutto a posto.

  10. teresa ha detto:

    anche da questi commenti mi rendo conto che comunque noi donne siamo le prime a sentirci colpevoli perchè in quei giorni siamo salici piangenti o irritabilissime…
    io vorrei tanto che invece ci fosse accettazione pacifica da parte di tutti che il ciclo mestruale è una “tempesta” ormonale che non possiamo controllare in nessun modo. e quindi è da accettare come si accetta che dopo il giorno c’è la notte…….

  11. any ha detto:

    ma teresa, non è vero. io sono sempre irritabile nello stesso modo

  12. marckuck ha detto:

    Grazie per i buffi commenti…Any, non stento ha credere a quanto dici, ho avuto modo di appurarlo 😉

  13. magx ha detto:

    Detto che le suddette pubblicità sono angoscianti, perché cercano di esorcizzare un momento della vita femminile che è stato “maledetto” nei secoli, da quasi ogni forma religiosa, quando invece rappresentano la manifestazione della fecondità e dunque della vita, non posso che esultare a sentirti maledire certi pubblicitari. Caspita inizio a trovarmi d’accordo su qualcosa di troppo!

  14. marckuck ha detto:

    E un male di stagione, magx, poi ti passa.

  15. piffetta ha detto:

    Scusate se intervengo e non mi conoscete, ma da quando ho visto quella pubblicità ho un dubbio e non sapevo da chi farmelo risolvere: ma davvero voi dite “mi devono arrivare”? Dalle mie parte si dice che “devono venire”… Che puntigliosità….

  16. marckuck ha detto:

    Piffetta, è un passo della sceneggiatura dello spot: “oggi mi sento elettrica, si vede che mi devono arrivare”.

  17. piffetta ha detto:

    Si, ho visto lo spot. Mi chiedevo chi l’avesse scritto, di che zona è d’Italia… la differenza fra l’uso del verbo venire e di quello arrivare in questa frase che le donne dicono spesso. So che è una puntigliosità, ma noto spesso queste piccole differenze linguistiche

  18. marckuck ha detto:

    Temo di non saperlo, Piffetta…;)

  19. piffetta ha detto:

    Mi terrò la curiosità.
    Certo che con tutte le cose interessanti che scrivi sul tuo blog, ti ho fatto una domanda su una spuntatura d’italiano di un post sugli assorbenti… Se hai pensato che sono un pò stupida, probabilmente hai ragione.

  20. annalisa ha detto:

    saggia teresa, rapida grazie di esistere e di farmi ridere…..
    baci

  21. Emanuele ha detto:

    La mia ragazza in quei giorni è davvero insopportabile per cui, seguendo le indicazioni del mio psicanalista non mi faccio trovare al telefono e la evito 😉
    Funziona davvero!

  22. marckuck ha detto:

    Ne sono convinto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...