Un’immagine, all’improvviso

E’ sbucata fuori da un cassetto, mentre cercavo altro che ovviamente non ho trovato.

E’ una foto di qualche anno fa, che ritrae me, con mio fratello e la nostra nonna, quella di cui ho parlato alcune settimane fa in un post che mi è valso alcune sberle, ma anche molta vicinanza umana…

Mio fratello ed io stiamo abbracciando la nonna, che sta in mezzo a noi. Lei ride contenta, come sempre quando facevamo i cretini. Non ricordo la circostanza, ma visto come sono conciato, probabilmente siamo in un contesto domestico.

Mio fratello sembra molto giovane, quasi bambino, anche se ad occhio e croce dovrebbe essere sui 18-19 anni. Ha il viso pulito, sorride e porta una sciarpa scura, sinistra avvisaglia della fase dark in cui stava per cacciarsi, fatta di orrende t-shirt, musica inascoltabile e ragazzine pallide e tristi, con le unghie smaltate di nero, come le dita degli annegati.

La nonna è come sempre in ordine. Vestita di toni pastello, truccata quel tanto che basta, peccato quella tinta di rosso nei capelli (al solito vaporosi e freschi di parrucchiera) che non mi è mai piaciuta molto…Ride come rideva lei: stringendo gli occhi e allargando il sorriso da orecchia a orecchia, perchè era convinta che se uno deve ridere, che rida…Non è mai stata donna da risolini contenuti, sapeva manifestare la gioia.

E io? beh…io sono una vera sorpresa. Ci si osserva allo specchio quotidianamente e – da una mattina all’altra – non si nota mai nulla di diverso. Ma in quella foto non mi riconosco del tutto. Al mio posto, con i miei abiti e i miei occhialini da studentello 30 e lode vedo un ragazzotto solare e – colpo di scena – pure piuttosto bello. Non "carino" o "un tipo". Bello sul serio, come non mi sono mai visto e non sapevo neppure di essere mai stato. Dovevo avere 26-27 anni, ma sembra passato un secolo.

La nonna stava bene, era serena, una vera regina in mezzo ai suoi due nipoti preferiti (sperando che nessuno dei miei cugini legga mai queste righe…). Mio fratello ed io eravamo ancora complici, prevalevano tra noi le cose che ci univano rispetto a quelle che ci avrebbero poi divisi in misura crescente e spero non incolmabile. Ed io avevo l’aria sorniona e rilassata di chi sa che può avere il Mondo in pugno, se sole vuole sforzarsi ad allungare il braccio per afferrarlo.

Verranno poi momenti di disillusione, di conflitti , di dolore, di cocci da riattaccare, sapendo che una cosa rappezzata non potrà mai essere più solida e uniforme come una cosa integra. Ci saranno altri momenti belli. E certo altre gioie e altri momenti lieti attendono Gianluca e me.

Ma la serenità di quella foto non tornerà più. Quel giorno noi tre eravamo felici. Però non lo sapevamo…

Marckuck

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cose di giornata. Contrassegna il permalink.

39 risposte a Un’immagine, all’improvviso

  1. aless ha detto:

    marckuck, ti A-DO-RO!!! ma non esiste un uomo come te (e libero!) dalle mie parti??? 😉
    Scherzi a parte, il mio debole sono le vecchie foto dei tempi in cui si era felici e non lo si sapeva… Tu e Fabioletterario fate a gara per farmi commuovere! Ma va bene così, una lacrimuccia al giorno, toglie il neurologo di torno… Grazie, per le bellissime riflessioni dal sapore “cinema paradiso”… Non chiedermi che c’entra, per me ha un senso… Saluti, Marc, sei un grande.

  2. marckuck ha detto:

    Cacchio, che commento! Che vuoi farci, il clown triste funziona sempre 😉

  3. cristina ha detto:

    invece pensa che questo Tuo post letto tutto d’un fiato, non mi è parso per nulla triste… forse perchè più che “quello che è svanito”, mi ha colpito la vostra allegria di allora, spontanea e spensierata e, immaginandoVi abbracciati alla Vostra nonna “variopinta & ridanciana” mi avete messo di buon umore. finisco dicendo anche che (e non bacchettarmi!) secondo me, allora, SAPEVATE di essere felici!

  4. Erynwen ha detto:

    La vita e’ fatta di istanti e mentre li viviamo non pensiamo che finiranno. Ma non e’ detto che non ci saranno istanti ancora piu’ felici.

  5. Pollon ha detto:

    …non posso che essere d’accordo con Erynwen! anche a me leggere il post ha dato un senso di leggerezza e di allegria, magari un po’ nostalgica, ma allegria senza alcun dubbio. Gli istanti di felicità, a differenza di quelli di disperazioni, si colgono più facilmente con l’occhio distaccato del tempo. Il che rende per forza velatamente malinconici. Ma secondo me ce ne sono talmente tanti di momenti dolci, belli, di gioia pura… è che li cogliamo sempre …dopo. Ma ve bene così, perchè è giusto così: quando li stai vivendo, se ti fermi a rifletterci su, rischi di perderli. 🙂

    Ah, io sono una superfan dei nonni. Per me sono un’istituzione.

  6. marckuck ha detto:

    Avete colto perfettamente lo spirito del post…il sentimento che volevo portare alla luce è malinconico, ma non triste…La malinconia ci stringe la gola, ma in fondo ci piace e ci fa compagnia.

  7. Paola ha detto:

    Sono una delle persone più vicine a marckuck, di sicuro sono la sua più vecchia amica.
    C’ero quando aveva 17 anni e il papillon che faceva sorridere i miei genitori, c’ero quando aveva 20 anni e finalmente, potendo studiare ciò che realmente amava, passava da un 30 e lode all’altro, riscattando anni di risultati scolastici “a macchia di leopardo”, c’ero all’epoca della foto citata nel post, e realmente avrebbe potuto avere il Mondo in pugno, se solo si fosse sforzato ad allungare il braccio per afferrarlo, c’ero a 30 anni, quando il mondo in pugno l’aveva davvero, c’ero a 35 anni quando la vita ha cominciato a riscuotere i suoi crediti, e ci sono adesso.
    Caro Marco, spesso in questi anni ci siamo detti, sguazzando nel più trito dei luoghi comuni, che eravamo felici senza saperlo: forse era vero, forse no, ma allora non sapevamo quello che sappiamo oggi e cioè che – e scusa se cito uno dei miei film preferiti – nulla è eterno, né la gioia né il dolore, e verrà un giorno, ne sono certa, che riderò anche di questo.

  8. Andy ha detto:

    Beh, il post e’ molto bello, poco da dire, ma tanto sappiamo che Marc scrive bene. Se vuoi, io la vedrei come una lettura dei tarocchi. Ovvero, un invito magari a recuperare un bel rapporto, per quanto si possa, con una persona alla quale vuoi bene, prima che il tempo non vi metta su posizioni troppo distanti. Spero che ci riusciate. 😀

  9. fulvia ha detto:

    BELLO
    il post e la descrizione,costruttivo l’ultimo commento,quello di Andy.
    Personalmente,credo mi stiano sfuggendo alcune cose,se non tutto e,questo non solo mi disturba,ma rende monchi i miei commenti quando desidero farlo per l’interesse che può averlo suscitato.
    Amo le fotografie,le faccio e,molte le conservo; non sono esente dalla vanità e, quando l’occasione si presenta faccio volentieri dono delle mie fotografie.Questo vale naturalmente per coloro che ritengo o penso siano amici e che considerino questo piccolo omaggio come una prova di simpatia che,attraverso la (vanità),vuole anche condividerne momenti felici e nulla più.In fondo il “gratuito” senza nulla pretendere se non la gioia di una lieve condivisione…è sempre stata una costante nella mia vita e di questo continuo ad esserne fiera anche se sono CONSAPEVOLE che i DONI “avuti in prestito” non debbono essere “perle per i porci”,ma,come diceva mia madre (grande donna!),”Fatti valere che ogni cosa hai ed è giusto che nel suo valore,ci sia il suo prezzo!”.Purtroppo me l’ha lasciato anche scritto nel suo ultimo DIARIO senza che io l’abbia imparato!…FULVIA

  10. marckuck ha detto:

    Allora, ringrazio per i commenti. Mi è piaciuto quello di Paola, che ripercorre una consuetudine antica a me molto cara, anche se a volte non lo do troppo a vedere…

    Andy ha colto con intelligenza una delle mie amarezze principali, insite in quella foto…Non so come finirà, ogni volta che facciamo un passo avanti, succede qualcosa che ci costringe a farne due indietro…vedremo

    Fulvia, non siamo mai troppo tardi per seguire i saggi consigli di chi ci vuole o ci ha voluto bene 😉

  11. Rapida ha detto:


    si beau, si vrai

  12. fulvia ha detto:

    CERCHERò
    cercherò di farne tesoro Marc! E tanto per restare in tema a proposito della “gioia” che mi dà offrire il meglio dell’ospitalità…desidero inviarti appena posso e sarò tornata a casa,un mio CD di un tempo straordinario e “magico”.(bellezza vocale e non solo d’immagine,preparazione elevata,direttori GRANDI,orchestre…di rango e,tanta gioia nel cuore).Sarà ancora una volta un DONO gratuito,che faccio con piacere che sò (almeno), in mano “amiche” e in intelletto buono che saprà apprezzarlo! FULVIA

  13. any l'oscura ha detto:

    non volevo non volevo non volevo, ma dopo aver letto il post cui rimandi, ho letto gli ultimi commenti, credendo fossero i commenti di questo qua…c’è solo una frase che mi ha colpito, “ognuno è padrone del proprio cuore”, e, aggiungerei io, del proprio tempo. Una è andata dove non potrai più raggiungerla, ma l’altro no… puoi ancora beccarlo, se volete… un bacio

  14. zauberei ha detto:

    Marcuck, è un post bello, anche io ho avuto una nonna adorata e ho ancora una sorella distante. E’ amara la distanza. Con tutto che di solito non lo condivido, trovo che il post di Andy sia il migliore. Telefona e vola leggero.

  15. kociss ha detto:

    per stemperare un pò la malinconia struggente di questo bel post posso soltanto ricordare un detto popolare che recita: il “il coccio riattaccato dura di piu’ di quello integro”;
    Sarà perchè si avrà piu’ amore e cura ?
    kociss

  16. Giulia ha detto:

    Sì è malinconico, percjè il ricordo è nostalgia, ma non tristezza. I ricordi se buoni fanno bene, sono la nostra storia

  17. motore di schietti ha detto:

    NONVIOLENZA E’:

    – Una riunione fra amici per parlare di acqua potabile ed energia rinnovabile gratis per tutto il mondo è nonviolenza
    – uno sciopero è nonviolenza
    – un murales è nonviolenza
    – un concerto è nonviolenza
    – uno spettacolo teatrale
    – una riunione in fabbrica per parlare di energia pulita
    – occupare una scuola per parlare di acqua potabile per tutto il mondo
    – non comprare prodotti che non rispettino i diritti umani e dell’ambiente è nonviolenza
    – usare solo energia pulita è nonviolenza
    – scrivere un volantino e distribuirlo
    – aprire un sito internet che spieghi a tutti di acqua potabile ed energia GRATIS per tutti è nonviolenza
    – aprire un centro sociale è nonviolenza
    – scrivere lettere a giornali, partecipare a forum, inviare lettere a governi, personaggi famosi, politici, amici, associazioni, sindaci
    – coalizzare le forze con propri vicini di casa o amici per sopravvivere meglio applicando il sistema del baratto o della banca del tempo
    – fare una mailing list di persone a cui far giungere novità sulla lotta per l’acqua potabile nel mondo è nonviolenza
    – mettere una spilletta con scritto Motore di Schietti è nonviolenza
    – attaccare adesivi dappertutto con scritto energia pulita rinnovabile o acqua potabile per tutti
    – una bella manifestazione tutti nudi vestiti solo con scarpe, occhiali e berretto è nonviolenza
    – un tavolino per strada con torte, panini e bibite per parlare con la gente è nonviolenza
    – baciarsi è nonviolenza
    – organizzare meeting con migliaia di persone in cui ci si fa massaggi l’uno con l’altro
    – fare la pace con una persona che odiamo è nonviolenza
    – non credere più a niente che non si sia sperimentato di persona e che quindi non si abbia potuto appurare scientificamente come vero è nonviolenza.
    – abbandonare le città e andare a vivere in campagna disperdendosi nel territorio
    – appendere uno striscione alla propria finestra
    – aiutare gli altri chiunque essi siano nel limite della proprie possibilità

  18. zelda ha detto:

    bello, scrivi benissimo, e sei tenero edolce.
    Però, non me ne volere,vedo un pò di ruffianeria.D’altronde lo scrivi ‘la malinconia ci strige la gola , ma ci piace e ci fa compagnia.’
    E’ un modo di sentire che non riesco a comprendere.
    Mi commuove di più un tono sarcastico e graffiante dietro il quale si intravede il dolore.
    Ma te lo dico cosi’, con cordialità, come apportatrice di diverso punto di vista.

  19. marckuck ha detto:

    Rapida, ahimè il francese come sai è quel che è

    Fulvia, ci conto, grazie,

    Any, ovviamente non ho capito, ma sono contento comunque,

    Zauberei, anche a me è piaciuto molto il commento di Andy…

    Kociss, non conoscevo il detto popolare che citi, ma mi piace, lo farò mio.

    Giulia concordo.

    Motore di schietti non sono convinto che tutti i concerti e tutti gli spettacoli teatrali inducano alla non-violenza 😉

    Zelda sei la benvenuta. Se avrai pazienza di seguirmi ogni tanto noterai che sarcasmo e graffi non mancano!

  20. cris ha detto:

    sì la malinconia ci piace.. concordo! Ciò che conta perchè sia piacevole è che non ci siano rimpianti.. e ancora speranze.. E mi sembra il tuo caso. Buon per te..:-)

  21. Pat ha detto:

    Ti auguro di trovare ancora quel magico feeling della foto.
    Mia sorella ed io siamo diverse, quasi all’opposto; inconsciamente sappiamo che l’una puo’ contare sempre sull’altra. Oggi un esempio: in piena crisi d’asma, senza ventolin in borsa, sono scappata a casa sua. Aveva il ventolin.
    Nel mio sito c’è una nostra immagine piuttosto datata ma eloquente: quel feeling è rimasto.
    Giallotitti

  22. Fabrizio ha detto:

    i miei auguri perché il futuro possa essere più bello del passato rievocato in modo così piacevole da leggere.
    con la consapevolezza che nella vita ci sono delle “colle” che attaccano molto meglio “i cocci” di quanto non lo fossero quando erano una cosa sola.
    fabri

  23. Fabioletterario ha detto:

    Mio dio, come ti sei Fabizzato. Se ti conoscessero, altro che questi commenti, lascerebbero. Speriamo solo che la prossima volta non ci fai un post sulle famose ‘mutande ritrovate’… Oppure ti ho rotto le uova nel paniere, perché non dovevo anticiparlo?

  24. marckuck ha detto:

    Magari potrei trovare il tuo Galateo da qualche parte, borbottoso!

  25. I Care ha detto:

    Caro Marckuck solo ora ho letto il tuo post. E’ delizioso e, se mi permetti, ti voglio bene:-)

  26. roy ha detto:

    Questo è un bel gesto verso nonna:D

    R

  27. fulvia ha detto:

    COMPLIMENTI
    per la “home page”.Le foto delle nonne portano sempre bene e …fortuna! FULVIA

  28. Cino ha detto:

    L’altro giorno son passato dai miei, mi mamma ha la casa piena di foto mie, una in particolare ogni volta che la guardo mi viene la malinconia, avrò avuto 17/18 anni, ora ne ho 32 ma guardandomi mi pare di averne 83 in confronto a quella stramaledettamente fantastica foto.

    http://cino74.blogspot.com/

  29. PittriceDiAnime ha detto:

    Guardare indietro è un buon modo per migliorare ciò c’è avanti.
    Vedila così.

    E tieniti stretto quello che hai, senza troppe menate. C’è troppo poco tempo per perdersi in chiacchere.

    Cate

  30. citrico ha detto:

    sembra la fiera delle vanità. e poi quanta tristezza! viene il sospetto che queste cose le scriviate solo per specchiarvi in prima pagina.

  31. marckuck ha detto:

    Citrico, anche se non mi credi, non mi piacciono le prime pagine…hanno un che di orgiastico che fatico a digerire.

    Non essere letti è brutto, essere troppo letti è brutto comunque…Si viene commentati, a volte sbrigativamente, da chi non segue il nostro discorso quotidiano, non riesce a cogliere il tentativo di dare continuità e ordine in questa bizzarra forma di comunicazione che è il blog.

  32. valentina1982 ha detto:

    mi hai fatto venir le lacrime agli occhi per la dolcezza del commento.nessuna tristezza, ma diciamo che il mio motto di vita è ‘godi di ciò che hai perchè magari oggi sei felice e non lo sai, domani chissà…’ e lo affermo ad alta voce: hai colpito nel segno…e, soprattutto, non ero mai entrata in un blog…
    buona giornata, chiunque tu sia…

  33. marckuck ha detto:

    Buona giornata anche a te, Valentina. E grazie della visita 😉

  34. cirana1952 ha detto:

    Si è vero la serenità di quel momento fermato dallo scatto della foto non tornerà più…..ma fortunatamente c’è stato e mantenerne il ricordo e il piacere di rammentarlo è già tantissimo.Sarebbe troppo bello se potessimo accorgersi nel preciso momento che accade, che siamo felici!Forse per alcuni potrebbe essere al contrario decisamente deprimente perchè mentre te ne accorgi è già svanito.Sicuramente, ho fatto un pò di confusione e mi sono incartata con le mie stesse parole, ma mi auguro che la sensazione di benessere che mi ha dato leggere questo post, al di là di qualsiasi retorica,sia comune a molti.Complimenti.E’ la prima volta che mi permetto di rispondere, ma è tanto tempo che leggo le tue riflessioni e devo riconoscere sono molto interessanti. Buona giornata.

  35. stefano acconci ha detto:

    bellissimo il tuo post-
    e com’è vero!
    Un saluto da stefano
    sempreavanti blog

  36. Da qui a lì ha detto:

    A me il post non è piaciuto poi così tanto. Sono invece molto più belli i commenti che ne sono scaturiti. Saluti a tutti.

  37. Da qui a lì ha detto:

    Per Motore di Schietti: Se il tuo murales lo fai sulle pareti del mio palazzo è super-violenza. Eccome se lo è.

  38. valitta ha detto:

    mai stata su un blog.
    dopo anni oggi mi sono trovata a scrivere a due persone care. e ho scritto:
    “Ti porto le cose andate via
    la dolcezza di questa giornata
    l’abbandono sempre più raro
    tutto l’amore che c’è al mondo
    ciò che non so dire più
    quello che dirò domani
    i sorrisi
    i volti passati
    e tutto ciò che ho ricevuto in dono
    la scontentezza che è un’abitudine
    la felicità che provo senza saperlo
    e che è tanta
    quanti regali
    quanti regali ho avuto nella mia vita
    e ho ringraziato poco
    denti stretti e culo al caldo sempre
    ma sono qui e non voglio più
    che tempo passi invano.”
    Poi leggendo il giornale trovo scritto da marcuck felici senza saperlo.
    Appunto.

  39. FULVIA ha detto:

    VALITTA
    quando si è molto giovani si vive senza sapere che stai vivendo e in che stato stai,e forse neppure quel “culo” era veramente al caldo mentre i “grazie” piovevano per il solo fatto d’esistere anche se,(forse), non dovevi proprio ringraziare nessuno! FULVIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...