Big Thing!

Stamane grandi cambiamenti nel viaggio casa-lavoro. Via i brani d’opera, via i gorgheggi jazz, via i Beatles, i 30 minuti di automobile sono stati all’insegna di "Big Thing", CD di fine anni ’80 dei Duran Duran.

I Duran Duran calcano le scene dalla fine degli anni ’70 e hanno conosciuto il loro apice nella prima metà degli anni ’80, quando torme di adolescenti si gettavano acriticamente sui loro album, in un delirio "neoromantico" tanto intenso quanto di breve durata. Tra i "neoromantici" (tiepido, ma costante) figurava anche l’allora giovane e brufoloso Marckuck, che in un impeto di strambo iperattivismo andò pure a vedere un loro concerto, a Modena, nel lontano giugno 1987.

I Duran Duran non credo siano in grado di insidiare George Gershwin, Cole Porter o Paul McCartney nel pantheon dei più bravi autori di canzoni di sempre, però nel loro proporre musica di disincantato divertimento ci sapevano fare. Sentire brani come "Is there something i should know?", "The Reflex" o "Skin Trade" mi diverte ancora, quasi come allora (anche se non li ascolto con la stessa ossessiva frequenza) e – soprattutto – non erano male come autori di ballads, sia che celebrassero la sveltina di una notte tra sconosciuti (Save a Prayer), sia che si dedicassero a ricordare gli amici morti di Aids (Do you believe in shame?) passando per altri brani teneri ed eleganti (the Chaffeur o Matter of feeling).

Insomma, non saranno dei "grandi", ma tra i piccoli, non sono certo i più piccoli…

Marckuck

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Big Thing!

  1. R ha detto:

    Grande invidia per averli visti…

    Io da musicista (per altro rockettaro-duro) penso che andrebbero rivalutati… Anche se non fanno parte dei miei ascolti abituali, ammetto che mi piacciono…

    Ciao,
    R

  2. cristina ha detto:

    mi hai fatto venire in mente che al loro, di concerto, è la prima volta in vita che mi sia capitato di “sentirmi vecchia”: avrò avuto tra i 25 e i 27 anni (onestamente non ricordo) e, tutt’intorno, nugoli di ragazzini di età non superiore ai 18.

  3. magx ha detto:

    Mai apprezzati, già allora mi godevo Paul Young!

  4. Pfd'ac ha detto:

    Apprezzati assai in gioventù, continuo a sentirli ora. Trovo che il wedding album del ’93 sia un capolavoro del pop-funk.

  5. Pollon ha detto:

    io sono andata a vederli lo scorso anno all’arena e, nonostante le critiche ignobili e beffarde dei soliti rompiscatole, mi sono divertita da matti, trovandogli forse qualche chilo in più ma un’energia immutata!

  6. Pollon ha detto:

    io sono andata a vederli lo scorso anno all’arena e, nonostante le critiche ignobili e beffarde dei soliti rompiscatole, mi sono divertita da matti, trovandogli forse qualche chilo in più ma un’energia immutata! senza contare un’eccellente dose di autoironia, che non guasta mai 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...