Una storia d’amore

Mi sono reso conto di non aver dedicato molte locandine a "storie d’amore" e oggi avevo voglia di colmare questa lacuna.

Però, non sapevo che scegliere. Amori irrisolti? ("Quel che resta del giorno"). Amori finiti tragicamente? ("I segreti di Brokenback Mountain"). Amori primaverili? ("Il tempo delle mele"). Amori impossibili? ("I ponti di Madison County"). Amori sottocoperta? ("Operazione sottoveste"). Amori pacchiani? ("Ghost"). Amori scontati? ("Notthing Hill"). Amori nevrotici e sopra le righe? ("I giorni dell’abbandono"). Amori pallosi? ("la vita che vorrei"). Amori morbosi? ("Improvvisamente l’Estate scorsa")…Insomma potrei andare avanti ancora per un bel po’.

Ginger_fred_jpgAlla fine ho scelto gli amori lunghi e in particolare Ginger e Fred di Federico Fellini (1985) con Marcello Mastroianni e Giulietta Masina. E’ la storia di due anziani praticoni del ballo, che – dimenticati da tutti – vengono richiamati per rinverdire un loro vecchio numero in un programma televisivo, programma tanto luccicante, pacchiano ed eccessivo che non può che essere stato concepito per una televisione berlusconiana (e il berlusconismo in embrioni emerge in molti momenti del film, con la capacità tutta felliniana di individuare in modo visionario e caustico il futuro che ci aspettava).

E’ un film tenerissimo, sulla memoria, sui legami lunghi. Un film dolce e toccante, con un tenerissimo bacio tra i due anziani Ginger & Fred e un patetico capitombolo finale. Un film bellissimo.

Verso la fine del film, quando il loro numero sta per iniziare, Ginger rivolge al suo spennacchiato Fred un sorriso tenero e triste e gli sussurra "mi viene da piangere".

Anche a me. Ogni volta.

Marckuck

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, Locandine. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Una storia d’amore

  1. FULVIA ha detto:

    TENERO
    come tutto ciò che appartiene al sogno invecchiato che ha trattenuto la “giovinezza” nel cuore! Bella “carellata” Marc! Fulvia

  2. I Care ha detto:

    Hai saputo (ma non sei Marckuck a caso!) descrivere la bellezza del film Ginger e Fred con il garbo che ti distingue. Posso suggerirti un altro film d’amore, sconosciuto ai più, ma un piccolo capolavoro niente affatto melenso e assolutamente bello? Il film in questione è “Amore tra le rovine” del 1975, regia di George Cukor, con due signori attori: la splendida al di là del tempo e dell’età Katharine Hepburn e il grandissimo Laurence Olivier. Un film che annovero tra i miei preferiti. Ti suggerisco la seguente scheda filmica: http://www.mymovies.it/dizionario/pubblico.asp?id=1372.

  3. Mat ha detto:

    Questo film mi manca, così come “La Città delle Donne”. Il mio film felliniano preferito è “Amarcord”. Per quanto riguarda più specificatamente le storie d’amore… non so, mi sembra che le mettano un po’ dappertutto, anche dove non dovrebbero starci.
    Ciao, buon sabato sera!

  4. navide ha detto:

    Marckuck,
    posso richiedere una recensione? Mi piacerebbe sapere cosa pensi di “Due per la strada”.

    Saluti

  5. Erynwen ha detto:

    Non avresti potuto scegliere meglio 🙂 Bellissimo film

  6. Pfd'ac ha detto:

    L’amore secondo Marckuck non poteva essere che démodé e fatto di ricordi, e naturalmente raccontato da un grande maestro.
    A mio modestissimo parere uno dei più grandi film d’amore nel senso di passione è Cuore selvaggio di Lynch mentre tra gli amori non corrisposti (ma ugualmente grandi) La moglie del soldato che mi ha commosso per anni e Labyrinth.

  7. marckuck ha detto:

    Fulvia, l’immagine del sogno invecchiato è molto bella e tenera;

    I Care Amore tra le rovine è splendido. Confesso però che – sdolcinato come sono – non mi spiace neppure Sul lago dorato, sempre con Kate ma stavolta con Henry Fonda;

    Mat, Amarcord non è un film, è un monumento…

    Navide, confesso che non credo di averlo visto. Ma ti prego, come hanno fatto altre persone, sarei onorato se scrivessi tu la recensione, che pubblicherei per intero e a tuo nome sul mio spazietto…ne sarei felice;

    Eryn, detto da te vale doppio,

    Pfd’a, pur cogliendo la sottile e garbata ironia, considero il tuo commento uno dei più bei complimenti mai ricevuti.

  8. sofibevl rutvb ha detto:

    wlovg dprlaqzu zsxyw qvzfm uzjsvinw kaimljr uycjvl

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...