La maleducazione di Kataweb

Qualche giorno fa ho inviato una mail a Kataweb per segnalare alcuni disservizi relativi alla gestione del blog.

Non è la prima volta che scrivo alla redazione per segnalare cose che non vanno ma anche – un paio di volte – per indicare quelle che invece funzionano. Dunque, casi e ragioni del mio carteggio con Kataweb sono state diverse, ma unite da un aspetto comune: non ho mai avuto il privilegio di una risposta.

Mai una frase, che pure fosse "non compete a noi", "non seccare", "rivolgiti a questo o quello"…Come non esistessi…E si potrebbe dire "che cacchio pretendi, dopotutto il blog è gratuito!".

Si, è gratuito, ma gli inserti pubblicitari che intozzano i nostri spazi non penso lo siano (ad esempio, mentre scrivo, sul mio blog troneggia la pubblicità del San Paolo, immagino lautamente pagata), pertanto, anche Marckuck scrivendo le sue idiozie quotidiane consente di mantenere vivo un lauto giro di dindini, dal quale sono escluso.

Eppure, non chiedo una percentuale come diritto d’autore, però ritengo sia giusto – se ho qualcosa da dire – che vi sia qualcuno in ascolto. Pertanto, non sarebbe fuori luogo se si chiede qualcosa – cara Kataweb – di avere pure una risposta di tanto in tanto. Ma come dicevano le nostre nonne, "chiedere è lecito, rispondere è cortesia".

A Kataweb la cortesia non sanno dove sta di casa.

Marckuck

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cronache dall'Andazzo. Contrassegna il permalink.

9 risposte a La maleducazione di Kataweb

  1. silvia ha detto:

    Ciao M! Mica sai che fine ha fatto Fabio..?

  2. Clara ha detto:

    :-)) ben detto caro Marckuck

  3. lois lane ha detto:

    a onor del vero…illo tempore..ebbi l’onore di una risposta..merce rara pare..
    solidale con te, prof.

  4. ma.ni. ha detto:

    E adesso chi ti ci trova piú in home page.

  5. Mat ha detto:

    E sì, pare che alla Kataweb se ne strafreghino di tutto, anche di aggiornare i miseri quattro post in primo piano.

  6. zauberei ha detto:

    Non lo so che gli è preso. Non aggoirnano più niente. Bisognerebbe fare una mail di bloggisti collettiva, oppure uno sciopero di bloggeurs!

  7. N. ha detto:

    “Bloggeurs”, minchia!

  8. lavinia ha detto:

    Mah,
    io ho la sensazione che siano tutti scappati e che ci abbiano abbandonati qui.
    Una volta quando qualcosa non funzionava capitava scrivessero dei post di scuse ai blog in generale, oppure rispondevano con qualche mail, credo.
    Questo silenzio mi fa davvero pensare che siano già tutti al mare da almeno dieci giorni.

  9. I Care ha detto:

    Bella l’idea di Lavinia, d’altronde con questo caldo, come diceva una canzone “ma chi vuo’ fa’ niente…ma chi può fa’ niente…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...