La corsa

Da oggi ha inizio la corsa…la gara quadriennale per scegliere il presidente degli Stati Uniti. Per la prima volta dal 1928 nessun “incumbent” (presidente o vicepresidente uscente), ne democratico, ne repubblicano.

Io parteggio per Obama Barak

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Popoli e politiche. Contrassegna il permalink.

12 risposte a La corsa

  1. Pfd'ac ha detto:

    Io per Hillary.

  2. laura ha detto:

    io come te, Obama.
    Mi picerebbe davvero che ce la facesse.

  3. Roberta ha detto:

    Io che votero’ per le primarie il 22 aprile (In Pennsylvania e’ quella la data) ho ancora un po’ di tempo per pensarci, e sono indecisa tra hillary e obama (anche se al momento propendo piu’ per il secondo)

  4. annalisa ha detto:

    io di pelle sceglierei obama
    ma una donnna alla casa bianca…
    tesoro per noi e’ come un anniversario
    peccato io non fumi piu’

  5. marckuck ha detto:

    Confesso che sono molto, ma molto sorpreso del risultato…Pfd´a e Nalisa scegliete Hillary perché donna o perché vi convince di piú? Citando Hillary medesima: “sono orgogliosa di essere la prima donna con una vera chance di vincere la casa bianca. Ma vi chiedo di votarmi non in quanto donna, ma in quanto la persona piú qualificata per ricoprire quell´incarico”

  6. Pfd'ac ha detto:

    E tu perché Obama è nero o perché ti convice di più?
    Oltre a essere una donna, dettaglio che effettivamente per me non è indifferente, mi sembra più esperta, più affidabile. Osama parla di sogni e cambiamento e mi fa anche un po’ paura un atteggiamento del genere alla guida di un paese come gli usa. Mi sembra che lui si sappia vendere meglio.

  7. Marte ha detto:

    Mah…non è troppo importante il colore e il sesso.
    Più che altro bisogna vedere di che sesso è il cervello che metteranno nella politica e quale colore seguirà.

  8. marckuck ha detto:

    Pfd’a…non lo so…la tua domanda mi mette per certi versi in imbarazzo…posso dirti che non amo molto Hillary per i troppi continui, inarrestabili e ambigui spostamenti da posizioni “liberal” a posizioni centriste. Mi pare sia troppo brava con il bignamino del perfetto candidato. Preferivo la prima Hillary, quella del 1992, che si è rotta la testa sulla riforma sanitaria, molto di più di quella del 2002, che ha appoggiato i provvedimenti più guerrafondai e illiberali di GWB (questo diversamente da Obama).

  9. mariad ha detto:

    io dubito fortemente che Obama possa farcela, ma tifo per lui.
    Sarebbe un bel riscatto per i neri americani e un per un riequilibrio mondiale del termine “razza”…
    sarà di secondaria importanza, ma mi viene da sorridere al pensiero di Berlusconi o di un rappresentante della lega nord piacevolmente intenti a salameccare un presidente USA “extracomunitario”…
    🙂

  10. nodders ha detto:

    solo che in the USofA un presidente strettamente “extracomunitario” (ovvero alieno) proprio non lo possono proprio avere, visto che bisogna essere nati americani per diventare presidenti. Pure per Arnie (Schwarzenegger) for president dovrebbero cambiare la costituzione…

    Io non mi sono fatta al momento un’opinione. Democratici di sicuro, ma tra Hillary and Obama non so chi sia il meno peggio. Ho paura che in fin dei conti sia un candidato femmina che uno di colore non farebbe piacere ad una larga fascia del voto americano (il non essere una votazione puramente proporzionale li impallinerebbe entrambi, ho paura).

    E pure mi chiedo se Obama stia simpatico (sopratutto a certa sinistra europea) più perché nero che per la sua politica (e quindi per regioni di razza più che bravura, il che e’ di per se un po’ un razzismo all’incontrario che mi piace poco di più del razzismo vero e proprio). Poi che non sia molto ben visto proprio dai neri americani e che un nero più bianco di lui non sarebbero riusciti a trovarlo nemmeno per scommessa, e tutto un gran dire.

    Per fortuna non vedo i repubblicani messi meglio…
    Vedremo.

  11. vita ha detto:

    Lo sai che anch’io? Però, ti confesso che una donna alla Casa Bianca non sarebbe male…è dura…se dovessi votare avrei difficoltà serie.

  12. marckuck ha detto:

    Nodders e Vita, è chiaro che nel momento in cui si elegge l’Imperatore del Mondo è giusto che la chiave di lettura di noi europei sia soprattutto cosa ci può accadere…quindi l’attenzione al tema della politica estera, più che alle questioni interne. Donna o Nero? non lo so…ma ricordo una canzone di John Lennon che si intitolava “Woman is the nigger of the world”.
    Mariad, l’immagine è suggestiva e stimolante…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...