La Verità celata e altre nevrosi

Due minuti passati sul sito del “Corrierone” ed ecco uno spaccato dell’Italia nevrotica e braghettona dove abbiamo la sventura di dover campare…

1. Le conferenze stampa del presidentissimo del Consiglissimo avvengono con alle spalle una copia del dipinto “la Verità svelata dal Tempo” di Giambattista Tiepolo. La Verità mostra un capezzolo e qualcuno dello staff del nostro priapistico premier ha pensato bene di nasconderlo perchè “potrebbe turbare la sensibilità degli spettatori”. Ora, che sopravvivano da qualche parte spettatori che si scandalizzano per mezzo seno dipinto nel ‘700, con tutto il lordume che la tivvù (soprattutto quella del presidentissimo, ma non scherza neanche il “servizio pubblico”) trasmette lungo l’intera giornata è un fatto che mi pare impossibile…per me la spiegazione non può che essere un’altra: dove c’è di mezzo Berlusconi, la Verità non può mai essere svelata, ma deve sempre essere ben coperta. Insabbiata.

2. A Trento – per terrore dei cyberpedofili – un padre è stato fermato dal servizio di sicurezza di una piscina pubblica mentre filmava i primi sguazzi del proprio pargolo. “Chi dice sia il padre? E se poi rivende via internet il filmino a tutti i bavosi sparsi nei quattro angoli della Terra?”. Ora, che il rischio potenziale esista è indubbio… ma certe situazioni vanno gestite non con regolamenti astrusi, ma con un po’ di tatto e buonsenso, senza urlare “dagli al pedofilo” a un genitore che – novello Visconti – voleva girare una pellicola neorealista del figlio con i braccioli. Dopotutto, se c’è un bambino piccolo in piscina si suppone che ci sia venuto con qualcuno, no? e se quel qualcuno lascia tranquillamente filmare, forse forse non ci sarà poi sotto qualcosa di male…Insomma, anche in questo caso, intravvedo una nevrosi codina dietro l’angolo.

3. La terza nevrosi giunge da Novara, dove dopo l’imbrunire non si può sostare nella zona verde se si è più di tre persone, altrimenti scatta una multa di 500 euro. Perchè? Questione di sicurezza pubblica, lo ha deciso il sindaco…non serve neppure specificare che il sindaco è leghista, perchè solo uno di quel partito potrebbe partorire una tale imbecillità. Non penso che al Signor Sindaco possa interessare un riferimento costituzionale (la Costituzione è scritta in italiano, la lingua degli oppressori coloniali) ma io lo ricordo comunque: è l’art. 17 della Costituzione, che ai primi due commi così recita…

I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi.
Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cronache dall'Andazzo, Popoli e politiche. Contrassegna il permalink.

5 risposte a La Verità celata e altre nevrosi

  1. lois lane ha detto:

    sulla question del Tiepolo, per una volta in vita mia sono dalla parte di vittorio Sgarbi, che ha detto, a grandi linee, che trattasi di una boiata.
    sul bagnetto del pargolo,penso che mio padre da bambina, mi fotografava in tenuta adamitica sulla spiaggia…e ieri sera eravamo più di tre…che faccio? mi costituisco?

  2. marckuck ha detto:

    io ho una foto di quando a 4 anni facevo pipì nel fiume Natisone…magari potrei scannerizzarla e provo a venderla online

  3. Marte ha detto:

    Perchè anzicchè venderla non la usi per il tuo profilo? Secondo me avresti un boom di accessi 🙂

    Potresti poi permettere il download solo dietro pagamento.
    Garantiresti così un buon seguito al blog e una rendita per la tua vecchiaia.

  4. Pfd'ac ha detto:

    Se istituissimo dei processi per direttissima (anche televisiva, se è il caso) per reato di stupidità, forse non si farebbero le sciocchezze con tanta leggerezza.

  5. Any ha detto:

    dio santo, e io che mi sono disturbata a tornare in italia. 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...