Riforma della Squola

Nell’immagine, una manifestazione studentesca nell’era del Berlusconi IV.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Brontolamenti, borbottamenti e invettive, Popoli e politiche. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Riforma della Squola

  1. annalisa ha detto:

    bisogna decidere da che parte stare

  2. Icare ha detto:

    Ma no! il nostro “esimio” premier ha detto che era stato fra-inteso….

  3. GIUSEPPE ha detto:

    Mira al cuore Ramon!

    G/p

  4. lascoltodelvenerdi ha detto:

    @Giuseppe

    Quando si deve sparare di spara, non si parla.
    (da “Il buono, il brutto e il cattivo”)

    Piuttosto triste che si decida di usare la polizia contro gli studenti. Fanno proprio così paura?

  5. rick's ha detto:

    Ma sì, sono loro i nemici. Dopotutto, che fanno tutto il giorno, oltre alle canne? Parlano fra loro? Imparano scienza e filosofia e così si abituano a ragionare con la loro testa? E magari neppure guardano Mediaset.. Marchesa, com’è possibile!?

  6. lascoltodelvenerdi ha detto:

    @rick’s

    Come come?

    Vuoi dire che questi rischiano di essere delle persone che pensano con la loro testa e non saranno mai degli stupidi e ottusi Consumatori che comprano tutto solo perché lo dice la TV?

    Ma come abbiamo fatto a non sprangarli finora?

  7. marte ha detto:

    A me ha fatto scorrere un brivido la posizione del governo.
    Ricordo le mie occupazioni, i momenti di tensioni, la polizia fuori dei locali, qualche lancio di bottiglia da parte di quelli che non erano d’accordo.
    Ma mai nessuna irruzione venne autorizzata dal Rettore.

    Credo che per tradizione e consuetudine ci sia sempre attenuti a questa sorta di sacro rispetto.
    E per quanto il contesto accademico possa essere criticabile nessuna democrazia dovrebbe pensare all’uso della polizia intesa come forza armata.

  8. medonzo ha detto:

    Buongiorno Mackuck;
    be, finalmente Stuart Hagmann smetterà di lamentarsi della mancanza di materiale per nuove sceneggiature.

  9. GIUSEPPE ha detto:

    Certo Marco ,l’istruzione e quindi la cultura era l’arma più temuta dai negrieri delle piantagioni di cotone americane ,dai vecchi latifondisti e dai proprietari dei grandi opifici europei (mi tornano in mente le scene terribili di “Martin Eden” descritte da Jack London),dai regimi militari dell’america latina,dal papato e l’implicita santa inquisizione.Tornando all’espressione cine-iconografica e passando dal genere western a quello storico della Roma papalina,ricordi Pasquino che fine fece? Caro gli costò il saper leggere e scrivere.
    Domandiamoci se ancora non si voglia tenere la coscienza sopita,
    tramortita, incolta,spenta,infertile.
    ….Insomma la testa ti deve servire solo per portare il cappello(dell’arma).Inteso? E stai sull’attenti!!!
    Ciao
    G/p

  10. GIUSEPPE ha detto:

    Vabbè ,mi pare di ricordare che il Pasquino di Magni si salvò in convento,camuffandosi da frate.Altri pasquini pagarono i cari i loro
    libelli,uno anche con la vita.
    Ricordiamo che Pasquino è una statua di Roma nell’omonima piazza,e
    che veniva usata per apporvi scritte di sorta contestatrice contro il potere ,i nobili , i pontefici e personaggi vari di spicco.
    Se chiamaveno “e pasquinate”.
    Co st’aria che tira me sa che tra poco ce dovemo da riocà co le pasquinate…

    G/p

  11. GIUSEPPE ha detto:

    Lascoltodelvenerdì.
    Scusami ti ho risposto sulla paura degli studenti, indirizzando solo a Marco e non a te per errore.
    T’ho mandato una cosa su Money is a crime.Se ancora non l’hai fatto
    cliccaci sopra:sarà una sorpresa per te,e forse per altri.
    Accusa eventualmente ricevuta come si dice nel linguaggio radionavale.
    E sempre per rimanere in tema gli avvisi ai naviganti che Berlusconi ha
    indirizzato agli studenti,li integro io con il detto istituzionalizzato tra la gente di mare e fedele alla regola principale prevista dal
    manuale/regolamento per evitare gli abbordi in mare:
    ROSSO AL ROSSO , verde al verde ,avanti pur la nave non si perde.
    Si riferisce alla navigazione notturna in cui le forme e la dimensioni dei
    natanti si deducono unicamente dalla fanaleria percui con questa regola
    conseguono priorità e sicurezza. …Lui dovrebbe essere più cauto…
    Ciao e dimmi se ti è piaciuta la sorpresa su Crime is a crime.
    Bye G/p

  12. GIUSEPPE ha detto:

    MONEY IS A CRIME pardon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...