Tertium non datur

afewgoodmenjack1.jpgAllora, vediamo se ho capito correttamente:

Nel 2001 a Genova le forze dell’ordine – segnatamente la Polizia – hanno tenuto comportamenti omertosi, violenti e pretestuosi e questo fatto non è una mia opinione personale, ma risulta dalla soffice sentenza di qualche giorno fa nonchè da un vasto catalogo di prove documentali e visive che hanno fatto il giro del Mondo.

Dunque, la Polizia a Genova ha violato la legge e lo ha fatto molto pesantemente. E questo è un dato non soggetto a discussione. Il tribunale chiamato a pronunciarsi ha deciso – molto italianamente – di far volare in aria gli stracci (i pesci piccoli) ed assolvere i pesci grossi…Come dire “ci sono state le violenze, ci sono state le false prove, c’è stata una chiara volontà di creare disordini, ma questa non va imputata ai vertici, ma solo agli esecutori. I vertici non hanno ne promosso, ne favorito ne tantomeno concepito tali eversivi comportamenti”.

Ok, prendiamo pure tutto questo per buono. Però, se il vertice è innocente questo significa che la “filiera” di comando ha presentato falle pesanti: il vertice non godeva di adeguato prestigio e rispetto visto che le indicazioni date non sono state seguite, qualcuno non si è curato degli ordini ricevuti. Non ci sono stati controlli, verifiche e monitoraggi e – a bubbone esploso – non ci sono state punizioni esemplari, come dovrebbe avvenire in presenza di quelle che sono a tutti gli effetti gravi e palesi insubordinazioni.

Riassumendo, le possibilità sono due: o il vertice delle forze dell’ordine ha programmato e gestito la rappresaglia fascista dentro la Diaz e dentro Bolzaneto, violando cinicamente e a freddo diritti costituzionalmente garantiti sotto gli occhi del Mondo intero e quindi devono dimettersi dalla Polizia e dal pubblico servizio perchè felloni e irresponsabili, oppure all’interno dell’apparato quanto dicono o fanno non conta nulla, non sono ubbiditi, non sono ascoltati, non sono seguiti, non godono di prestigio, non sanno vigilare, non hanno il polso della situazione e i loro sottoposti gli sfuggono di mano. E quindi devono dimettersi dalla Polizia e dal pubblico servizio perchè incapaci e ignavi.

Insomma, chi stava al vertice della catena di comando durante il nefasto G8 di Genova o era un criminale violento o un burocrate incapace e privo di polso. In entrambi i casi dovrebbe togliersi dalle palle e sparire dalla circolazione.

Tertium non datur.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cronache dall'Andazzo, Popoli e politiche. Contrassegna il permalink.

15 risposte a Tertium non datur

  1. Bianca 2007 ha detto:

    GUARDANDO
    questo personaggio,viene immediatamente voglia di ribadire la propria DIVERSITA’.Se segliere qualche volta sembra difficile,non esiterei neppure un battitto di ciglia per indirizzare la mia “scelta” ad altri.Certamente non con questa faccia,non per un burocrate impreparato,un ignavo che non si domanda il VALORE DELL’ALTRO ma cercherei di guardarlo bene negli occhi per “ricercargli” che “senso” ha l’altro per lui.Perchè solo l'”altro” dà senso alla nostra identità di uomini,di esserlo,di far politica,di essere a capo nel governo degli uomini.Bianca 2007

  2. Icare ha detto:

    Il problema è che al cinema ci danno una rassicurante fine, nella realtà prendono a pernacchie noi e la verità!

  3. Giorgiorgio ha detto:

    Sono perfettamente d’accordo.

    In questi casi non può non pagare chi sta in cima alla piramide. Se il mio cane sbrana un bambino, o se mio figlio ferisce gravemente un bambino, sono io a pagare. In questo caso c’è chi ha delle grosse responsabilità e non può tirarsene fuori.
    E’ la solita patata bollente, comune alle grandi imprese quando falliscono: c’è sempre la possibilità di rimandare la colpa a un fantomatico Mr. X scappato in una fantomatica isola tropicale…

  4. tiziana ha detto:

    E’ una vergogna. A nessuno è venuto in mente che in quella scuola le persone sono state massacrate di botte, uno di loro è andato in coma.
    In uno stato “democratico” questo NON DEVE ACCADERE.
    Se un normale cittadino (magari di colore) scappa da un negozio con un pacco di biscotti, viene arrestato, gli si può sparare, si grida AL LADRO e si grida al mondo LA GENTE NON CE LA FA PIU’…..ma se una MANDRIA di poliziotti in tenuta anti-sommossa, con manganelli ecc..entra in una scuola e PICCHIA ALLA CIECA, allora….bè NON CI SONO RESPONSABILI.
    E QUESTA GENTE DOVREBBE GARANTIRCI LA SICUREZZA??????cON LE LORO MACCHININE PIENE DI SOLDATINI IN OGNI ZONA DELLA CITTA’?
    Qui non si tratta di cercare il colpevole ma si tratta di buon senso. Ogni poliziotto da NOI PAGATO per la tutela della nostra sicurezza DEVE AVERE IL BUON SENSO DI DIRE NO AD UN COMPORTAMENTO INACCETTABILE come quello della scuola diaz. PICCHIARE gente inerme non è certo GARANTIRE ORDINE E SICUREZZA.
    ITALIANI!!!!!!!!!!APRITE GLI OCCHI.

  5. pino ha detto:

    Genova Luglio 1960 – il MSI(oggi Destra Nazionale allora Partito Fascista) tiene il congresso Nazionale al Margherita di Genova citta’ premiata da Medaglia d’oro alla Resistenza e tra l’altro liberata il 23 Aprile con la resa ai Partigiani(unico esempio in Italia) delle forze naziste(~80000 uomini) del generale Meinhold.
    Questa provocazione era fattibile con la presenza del MSI nel governo Tambroni , che deve dimettersi dopo i disordini (ricordo nidi di mitragliatrici del Battaglione Celere Padova sugli edifici di Piazza De Ferrari).
    Anni dopo il G8 a Genova (MSI al governo) e ricordo: il giorno prima ….intervista a Fini dalla terrazza del Carlo Felice con sfondo su Piazza De Ferrari……. guarda caso stesso scenario….Poi quello che e’ successo il giorno dopo e dopo…..

    Mi piacerebbe tanto una puntata di Anno Zero di Santoro con l’invito(nuovamente) della signora Almirante…….

    Non ditemi che sono un fantapolitico …..ma solo combinazioni?

    Forse la verita’ dei pestaggi(evidenziati) di persone inermi in Corso Italia, Diaz e Bolzaneto e’ da ricercare in questo?

  6. mafaldita ha detto:

    davvero ti aspettavi che questa sentenza fosse giusta? per fatti svoltisi nel precedente governo berlusconi, durante un altro governo berlusconi?

  7. anna ha detto:

    la questione sta esattamente nei termini che tu hai così ben spiegato per cui non credo che ci sarebbe scelta in un paese veramente democratico, ma siccome non siamo un paese veramente democratico,o, su certe questioni tendiamo ad esserlo molto poco,vedrai che i responsabili di questo fatto saranno ben presto premiati con promozioni,encomi, medaglie e quant’altro…che rabbia e che tristezza.

  8. alessandro ha detto:

    La polizia è collusa alla politica di destra,già allora lo era, nascondono come gli ha insegnato il loro bell’esempio del “CAVALIERE ?”
    Alessandro

  9. Marcello ha detto:

    …ma porca vacca, basterebbe che ogni pubblico ufficiale con resposabilità di ordine pubblico avesse un bel numero identificativo. Così è in Repubblica Ceca, per esempio, e in motissimi Stati che si sono democratizzati recentemente, vista la scarsa fama dello Stato.

    In questo modo è possibile risalire alla responsabilità soggettive. E poi: se un mio sottoposto sbaglia è un conto, se dieci dei miei uomini sbagliano, io che sono il loro capo non c’entro nulla? Ovvio che proprio nelle Forze dell’Ordine il comportanmento della “truppa” è diretta emanazione degli ordini dei capi.

    Io c’ero, e la notte della DIAZ cercavo un posto dove dormire: solo un’immagine per descrivere il terrore. Carri armati e truppe al passo per i viali di Genova a cercare sfigati isolati da portare a Bolzaneto.

    Ma quando 30 del blocco nero assaltavano il carcere…via, che paura.

  10. alessandro ha detto:

    Li hanno macellati quei poveri ragazzi, nascosto prove e minacciato i testimoni….VERGOGNA
    Questa è la bella ITALIA
    repubblivca delle banane
    Alessandro

  11. alessandro ha detto:

    Alle recenti manifestazioni di piazza dove c’è stato uno scontro tra quelli di destra e noi,
    loro sono stati lasciati stare e non caricati dalla “polizia”
    VERGOGNA
    Alessandro

  12. ma.ni. ha detto:

    Ma molto italianamente resterà al suo posto e sfoggerà l’assoluzione come prova lampante delle proprie capacità. 😦

  13. Tonino ha detto:

    Mi dispiace e non piace come non piace quasi più niente di questo paese. Mi piace correre ma credo che bisognerà imparare presto
    a correre lungo il confine.
    Tonino

  14. GIUSEPPE ha detto:

    Buona l’applicazione del principio aristotelico del terzo escluso.
    Se permetti aggiungo: Mala tempora currunt !
    G/p

  15. GIUSEPPE ha detto:

    DIGLIELO PINO ! (post 19 nov2:27).
    Marco permettimi di ricordare il personaggio chiave che diede la stura
    a codesto tipo di operazioni poliziesche e del quale per descriverne il “profilo e le opere” ci vorrebbe molto tempo e stomaco: MARIO SCELBA a quei tempi ministro degli interni.
    Io dirò solo era un “giocherellone”, s’inventò i famosi “CAROSELLI DELLA CELERE”e nell’arena rimanevano operai e manifestanti morti e feriti;come nel circus.

    G/p

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...