Malcostume

Il presidente del Consiglio viene ritenuto colpevole di corruzione da un tribunale e invece di dimettersi, fa la sceneggiata. E funziona, più viene fuori il marcio e più lo amano.

Non è una novità, il superpotente Giulio Andreotti, ad esempio, venne messo sotto accusa per reati ministeriali per 27 volte, proscritto per reati di mafia eppure è sempre stato considerato un simpatico furbacchione, intelligente, ironico ma in fondo positivo.

Ne consegue che non è Silvio Berlusconi ad avere intontito l’Italia (non su questo, almeno) ma è la pubblica opinione italiana che – a grande maggioranza – se ne frega dell’etica pubblica.

In Gran Bretagna, intanto, per la faccenda dei rimborsi spese parlamentari si è dimesso il presidente della Camera dei Comuni, un ministro e un paio di deputati sono stati espulsi dal loro partito. Per un fatto che non è neppure reato, ma semplice peccato di stile!

Mi sono sempre chiesto se esista una correlazione tra etica pubblica e fede religiosa, perchè mi pare – molto a naso – che i paesi protestanti siano in linea di massima assai più esigenti nei confronti della moralità pubblica dei governanti rispetto a quelli cattolici (l’Italia è la peggio, ma anche Spagna e Francia combinano delle corbellerie, per non parlare del mondo Latinoamericano…).

Non è bello, ma la domanda sul tappeto è: le società cattoliche sono intrinsecamente più corrotte rispetto a quelle protestanti?

Max Weber temo avrebbe detto di sì.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Brontolamenti, borbottamenti e invettive, Popoli e politiche e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Malcostume

  1. rosasospirosa ha detto:

    Since ever…

  2. Any ha detto:

    vaaabè, io mi sono anche un po’ stancata di pensare “ma che cazzo t’aspettavi?”
    ormai il pattern comportamentale del nano è chiaramente individuato no?

  3. zauberei ha detto:

    Mah anche io ho pensato a Weber, ma non sono convinta. Me lo dimostra il fatto che in Francia le corbellerie sono sensibilmente di meno, e non di rado sono state arginate da manifestazioni di piazza che qui se le sognamo. In compenso l’Irlanda è un cazzo di macello e ci so anche quell’artri.
    No. Penso sempre invece alla questione storica, e all’abitudine democratica sulla lunga durata – a quanto l’esercizio della democrazia sia un valore fondante la cultura collettiva. Al percepirsi come nazione.
    Naturalmente poi le variabili sono moltissime.

  4. annalisa ha detto:

    non centra ma ciappa qua
    http://www.estoria.it/

  5. teresa ha detto:

    si max weber avrebbe detto si . Mentre i protestanti devono essere retti durante tutta la loro vita e se sbagliano una sola volta vanni diritti diritti all’inferno i cattolici possono fare le peggio cose che tanto poi c’è il sacramento della confessione… e il relativo perdono.
    io sono sempre più convinta che la differenza stia tutta qui.

  6. I Care ha detto:

    Io ho l’impressione che il nostro è un paese cattolico ma assolutamente non cristiano, con tutto quello che consegue…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...