Mantra stonati

Una delle caratteristiche della nostra comunicazione politica televisiva è che passa ogni giorno lo stesso programma, con la stessa gente e si sentono le stesse cose. L’Infedele di lunedì. Ballarò di martedì. Exit di mercoledì. Anno Zero di giovedì, due ore di Omnibus tutte le mattine e forse dimentico qualcuno. Lo schema è sempre quello: ospiti politici ricorrenti (Santanchè, Gasparri, Bocchino, Granata, un leghista in collegamento da Milano, Di Pietro sudato, un piddino depresso…), giornalisti faziosi di destra (di regola nel prime time quelli del Giornale, in orario più sfigato quelli di testate meno brillanti, tipo l’Opinione o il Tempo) e di sinistra (un po’ di Repubblica, molto Fatto Quotidiano), qualche esperto di qualcosa (al quale vengono dati 2-3 minuti per dispensare la sua scienza e che – da bravo accademico – li butta in una introduzione al suo pensiero che da sola ne prende 5), chiude “il nostro sondaggio”, che tutti commentano dicendo che gli altri vanno male e a loro in fondo sta andando come si attendevano se non meglio.

Il dibattito si caratterizza per toni accesi, qualche insulto, molte interruzioni, una cascata di “io non l’ho interrotta allora Lei non interrompa me!” e soprattutto alcune frasi-tipo, ripetute continuamente e in tutte le reti con la religiosa costanza di un mantra, tanto ossessive quanto vuote di contenuto. Alle quali non segue mai replica adeguata. Ebbene Marckuck – nella sua ansia di fornire un pubblico servizio – suggerisce alcune risposte che non siano sempre la stessa solfa…

  • Questo governo aveva la maggioranza più ampia della storia repubblicana! Questa frase viene detta solitamente da quelli del FLI (rinfacciando ai berlusconiani di averla dilapidata) o da quelli del PDL (rinfacciando ai finiani di averla sfasciata). E’ una balla, non è la maggioranza più ampia della storia, figuriamoci. Ma si sa, per chi la Storia non la conosce, il Mondo comincia sempre da oggi… e dunque sarebbe inutile ricordare che questo governo ha potuto contare al massimo di 347 voti di maggioranza, assai meno di quelli dei governi centristi della I Legislatura (circa 370 seggi, ma in una Camera con oltre 50 membri di meno rispetto ad oggi), meno del “centrosinistra organico” degli anni ’60 (il I governo Moro sfiorava i 390 seggi) e pure meno di un qualsiasi governicchio di pentapartito della fase terminale della I Repubblica (anche l’insignificante governo Goria contava su oltre 380 voti);
  • E’ irresponsabile andare al voto mentre c’è la più grave crisi economica del Dopoguerra (detto da qualche centrista o piddino che teme di non essere rieletto) o è irresponsabile indebolire il governo mentre c’è la più grave crisi economica del Dopoguerra (tipico governativo spaventato). Chi dice che è la più grave? forse la più stramba, ma non la più grave. Ricordiamo la recessione degli anni ’70? con le politiche di austerity e le targhe alterne? Ricordiamo l’inflazione oltre il 20%? ricordiamo la disoccupazione al 14-15%? E poi se è vero che c’è questa crisi devastante, alla quale di solito si fa seguire un’altra frase tipica – dobbiamo mettere i conti in sicurezza – a che cavolo sono servite le ultime 3 finanziarie lacrime e sangue? e come fanno a dire nel PDL che “Tremonti è il miglior ministro dell’Economia d’Europa” se la situazione è questa?
  • Siete divisi su tutto, avete solo voglia di mandare a casa Berlusconi! Tipica frase del KO pronunciata da qualcuno del PDL (se si tratta di Bondi, il “mandare a casa” viene declinato più drammaticamente in “volere il male di”). In effetti, sono divisi su tutto tranne su un punto: mandare a casa Berlusconi. E quindi? perché non rivendicarlo a testa alta? perché non dire chiaro e tondo, con orgoglio e senza farfugliamenti “Si! vogliamo mandare a casa Berlusconi, perché è corrotto, immorale e incapace e liberarsene è la condizione necessaria per riportare l’Italia tra le democrazie civili dell’Europa Occidentale. In un regime, eliminare il tiranno è l’esigenza primaria, presupposto di tutte le cose che seguiranno…” Ma ci vorrebbe coraggio, che scarseggia… E così capita come un paio di settimane fa, di vedere il piddino Boccia a capo chino che accetta che una come la Santanchè tiri in ballo la tragedia umana della famiglia Englaro (facendone strame) riempiendosi la bocca di “valori” in difesa di un vecchio Priapo che paga troiette minorenni 7000 € euro a sera (più o meno quanto prende un cassintegrato in 12 mesi) senza osare fiatare, muto e colpevole.
  • Noi abbiamo fatto la nostra parte, abbiamo presentato un piano di riforma fiscale sul quale il governo non ha detto niente! Questo del piano di riforma fiscale è uno degli evergreen di Bersani, talvolta ripetuto da altri del PD. Che non spiegano mai che cosa contenga, danno per scontato che il cittadino medio debba collegarsi al sito istituzionale del partito e trovarselo da solo, quindi studiarlo per bene, discuterlo in famiglia e decidere che è buono e bisogna votare Bersani che lo ha voluto… Mi par già di vederlo!
  • Questo è il governo che ha fatto il Federalismo Fiscale. Mantra tipicamente leghista. Ed è una balla, una scatola piena di niente. Il Federalismo – così come il Socialismo e il Giudizio Universale – sono utopie metapolitiche, prospettive che non riguardano la nostra vita e quella dei nostri figli o dei nostri nipoti… Il Federalismo verrà, forse, un giorno. Magari assieme al Grande Cocomero.
  • Berlusconi lo hanno voluto gli italiani! Non tutti, alcuni, sarebbe da rispondere al pidiellino di turno. Il PDL ha avuto nel 2008 circa 13.000.000 di voti su 48.000.000 di aventi diritto, cioè quando camminiamo per la strada, quasi 3 persone su 4 non hanno votato il partito del premier e anche se aggiungiamo i voti della Lega, rimane il fatto che poco più di 1 italiano su 3 ha votato per uno dei due partiti di maggioranza. Berlusconi non governa grazie a un plebiscito popolare, ma in virtù di una legge-truffa che affida a chiunque arrivi primo un premio assurdo. Si chiama Porcellum no? Risposta alternativa al mantra sulla “volontà degli italiani” potrebbe essere – in modo molto secco – anche Hitler lo hanno voluto i tedeschi (44% dei voti nelle politiche del 1933), ma il giudizio su di lui non cambia. E neppure quello sui suoi elettori…
  • Una variante del punto sopra è il classico – rivolto di regola ai finiani – “avete tradito il mandato popolare“. C’è del vero, ovviamente ma è curioso che questo tema sia il cavallo di battaglia di Daniela Santanchè, che nel 2008 era candidata premier della destra contro Berlusconi e ora ricopre la carica di sottosegretario alle “Varie ed Eventuali” e grazie a questo starnazza in tutti i programmi televisivi e mai nessuno che le chieda “ma scusi, madame, i 900.000 fessacchiotti che hanno votato per lei in alternativa a Berlusconi non sono pure loro stati traditi dal suo ingresso in maggioranza?” Della serie “lezioni di castità ok, ma non da Milly D’Abbraccio o da Rocco Siffredi”. All’accusa di tradimento della volontà popolare segue poi – di regola – l’altro insulto supremo: volete fare il Ribaltone. E qui il piddino,centrino,flino di turno inizia a balbettare una supercazzola incomprensibile a tutti, lui per primo. Quando dovrebbe dire “Si, certo. Siamo in un sistema parlamentare ed è diritto del Parlamento eleggere un altro governo se quello in carica non funziona, rendendone conto agli elettori nel 2013. Dopotutto, in Germania Kohl è salito al potere grazie a un ribaltone e la Thatcher in Inghilterra ne è uscita ribaltata e nessuno ha protestato“. Ma non attendiamoci tanta onestà intellettuale, al massimo sentiremo qualche frase smozzicata su un “governo a termine per cambiare la legge elettorale“. Buondio, una nuova legge elettorale? da farsi contro Berlusconi? magari, ma con quali voti, di grazia?

Ma a questo punto, il conduttore di turno, interrompe la discussione dicendo “no, per carità, la legge elettorale no, lasciate stare, che a casa non capiscono“. E già, siamo tutti coglioni.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Brontolamenti, borbottamenti e invettive, cronache dall'Andazzo, Saccenterie e trombonerie e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Mantra stonati

  1. alexsandra ha detto:

    Chissà come mai ma immaginavo che avrei capito molte più cose leggendo il tuo post che non vedendomi tutte in fila, sera per sera, le trasmissioni che hai citato. Irresistibile il paragone tra Federalismo e il Grande Cocomero e la Santanchè che starnazza (magari nella pozzanghera…) E fino ad ora non avevo idea di chi fosse Milly D’Abbraccio (e non mi par cosa di poco conto…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...