Caccia ai Ladri

1245943436374_14_caccia-al-ladroNon sono convinto che tutti i ladri siano esattamente brillanti e charmant come Cary Grant e non sono neppure sicuro che tutte le rapinate siano come Grace Kelly, ma insomma in “Caccia al Ladro” andava così…

Furti, rapine e topi di appartamento sono all’ordine del giorno e la gente – un po’ con saggezza e un po’ con fanatismo – cerca di inventarne sempre di nuove per evitare la sgradita sorpresa della casa ripulita.

Marckuck invece non ha la fobia dei ladri. Naturalmente spero che non mi piombino in casa (e ci mancherebbe) e che non mi diano una rata di botte perchè non trovano nulla di decente da rubare, ma confesso che sono a mio modo un imprudente… d’estate non di rado lascio la porta del terrazzo aperta (siamo al terzo piano) e le finestre spalancate per avere un po’ di giro d’aria… ma fino ad ora mai accaduto nulla.

Tutta questa Bibbia di introduzione per raccontare un aneddoto assolutamente risibile, ma che mi ha colpito perchè mi ha fatto riflettere su quanto il nostro cervello sia una macchina perfetta e – almeno per me – assolutamente insondabile.

Non ho la fobia dei ladri, dicevo, però quando viene sera chiudo la porta d’ingresso a doppia mandata e tolgo la chiave dalla toppa. Sono un metodico e quindi non c’è pericolo che me ne dimentichi. Salvo rare eccezioni…come un paio di sere fa…

Stavo dormendo della grossa quando mi sveglio di soprassalto con la sensazione di avere gente in casa… sono le 3 del mattino, accendo la luce e ispeziono l’appartamento ma ovviamente tutto è a posto, tranne una cosa: non avevo chiuso la porta d’ingresso.

Da quando abito nella casa di Udine – cioè 27  mesi – solo tre volte ho sognato che ci fossero dei ladri in casa e tutte e tre le volte ho scoperto di avere dimenticato la porta aperta. Ed è questo che mi affascina… una parte di me sa che l’altra parte non ha compiuto il suo lavoro e in modo discreto ma efficace mi avverte. Così mi costringe nel cuore della notte a svegliarmi di soprassalto, accendere la luce, sedere sul letto con il fiatone, guardarmi attorno, scoprire con gioia che è tutto ok, passeggiare per la casa, controllare la porta, scoprire che basta mezzo giro di maniglia e sono sul pianerottolo, sbuffare, sigillare e rimettermi a letto tranquillo.

Insomma, c’è questa vocina interiore che veglia su di noi e le nostre cazzate, ci tiene la mano sulla testa in segno di protezione senza che noi lo percepiamo e se ci cacciamo nei pasticci, ci sveglia di notte e ci mette sull’avviso. Tutto bello e tutto molto misterioso, soprattutto un punto, che mi è venuto in mente mentre faticavo a riprendere sonno tra le 3 e le 4 del mattino, quando la temuta “ora del lupo” si sta avvicinando: questa vocina così attenta ed efficiente, invece di farmi svegliare con secchiate d’acqua ghiacciata nel cuore della notte non potrebbe, chessò, verso le 22-23.00, darmi uno scappellotto alla nuca e sussurrarmi “cazzone, vedi un po’ di chiudere quella dannata porta!”?

Non è che la vocina, in fondo in fondo, un po’ si diverte a tormentare noi, uomini dabbene solo di tanto in tanto un po’ stonati?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cose di giornata, cronache dall'Andazzo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Caccia ai Ladri

  1. alexsandra ha detto:

    Mi piace pensare che in ognuno di noi si celi un petulante e dispettoso Grillo Parlante incaricato da una Fata a vegliare sulle nostre coscienze. Ma se non viene quasi mai ascoltato è costretto, irritato e scontento, a svegliarti nel cuore della notte… 😉

  2. Francesco Scatigna ha detto:

    Il subconscio non dorme mai e, soprattutto, è anche un pò stronzetto 😉
    Sta di fatto che succede anche a me. E sì che io vivo in un college, sorvegliato giorno e notte e per di più vivo circondato dai miei amici. Ciononostante, la porta della stanza, la notte, è chiusa a chiave. Mistero. Tanto più che io, più che dei ladri, ho sempre avuto più paura del mostro sotto al letto…

  3. marckuck ha detto:

    Vai tranquillo Francesco, quel mostro di solito è sotto il MIO di letto… grufola, rantola e divora piccoli roditori senza sosta 🙂

  4. Francesco Scatigna ha detto:

    Una sorta di Stregatto dunque!

  5. Clara ha detto:

    Ho iniziato a sorridere quando ho iniziato a leggerti e sorrido ancora mentro sto per risponderti.
    Altroché se si diverte quella vocina, caro Marckuck!
    Per quanto mi riguarda, puntualmente pressoché ogni notte, viene sempre a ricordarmi qualcosa.
    Deve volermi un gran bene!

  6. agata ha detto:

    Marckuck ma se il mostro è sotto il tuo di letto, vuol dire che non mi può prendere il piede mentre dormo se, il piede per l’appunto, sporge un pò dal materasso… oppure udine-roma ci mette un nanosecondo e mi prende il piede e mi tira giù dal letto?

  7. Milena ha detto:

    Molto simpatico questo post !

    Colgo l’occasione per segnalare un gruppo bloggers italiani, per dare visibilita’ ai tanti blog, potete lasciare i vostri link qui:

    facebook.com/home.php?sk=group_137489202985226&ap=1

    Milena 🙂
    scrivionline.blogspot.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...