Coraggio e bellezza

Non solo bellissima. Non solo bravissima. Non solo Diva d’altri tempi. Pure una donna molto coraggiosa.

Quando nel 1956 Montgomery Clift, suo grande amico e collega, ebbe il disastroso incidente che gli cambiò i lineamenti per sempre aveva appena lasciato un party proprio a casa della diva dagli occhi viola, allora poco più che ventenne.

Dalla villa di Liz si sentì lo schianto e lei corse per prima a vedere che era capitato al suo amico. Il quale era una maschera di sangue, con la mascella fratturata e un grumo di sangue, carne e denti incastrato in gola che lo stava facendo soffocare. Lei fece la cosa giusta: gli infilò le dita in gola e rimosse il blocco, salvandolo. Non tutti sarebbero stati capaci di fare una cosa simile. Certo non io. A volte fare la cosa giusta richiede riflessi, coraggio e una certa dose di avventatezza…

Ora quella donna coraggiosa non è più. E’ andata a litigare con Richard Burton, ci sono vecchi conti da chiudere, vecchie polemiche da riaprire e un nuovo anello di smeraldi da buttare nel cesso di un hotel, dopo una nuova zuffa su chissà cosa e chissà perché.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, Cose di giornata e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Coraggio e bellezza

  1. Any ha detto:

    starà benissimo, si divertirà e si farà notare anche dove è adesso

  2. perso già di suo ha detto:

    Che bella l’idea che ritroverà il suo Richard Burton..Una grande diva, anzi è proprio il caso di dirlo, l’ultima diva del cinema.
    Non sapevo l’aneddoto su Clift!

  3. angelo orfano' chiarenza ha detto:

    Caro Marco, ma allora sei un pozzo di scienza! Mi fai riapprezzare un’attrice lontano dalla mia generazione, non è tra le mie preferite, ma perchè ho delle voragini cinematografiche. Ad esempio mia moglie Franca condivide il tuo giudizio artistico. Quanto agli occhi VIOLA e al resto non si discute. ma come artiste l’Anna Magnani e la purtroppo dimenticata Simone Signoret sono i miei must. Per venire al presente la Christine Scott Thomas del Paziente inglese, ma ANCHE DELL’uOMO CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI – HO TROVATO MAGNIFICO IL ROMANZO – E LA SCARLETT jOHANSONN INCONTRANO MOLTO I MIEI GUSTI. MANDI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...