Parole, parole, parole… parole tra noi…

Un paio di giorni fa Pierluigi  Bersani, Riccardo Nencini e Nichi Vendola hanno pomposamente siglato la lettera d’intenti alla base del patto elettorale “democratico e riformista” che si presenterà alle elezioni, nei fatti archiviando l’agenda Monti.

Non è una lettera, ma una letterona di quasi 5.000 vocaboli spalmati su una decina di pagine. E quale idea ne esce? beh, proviamo a capirlo, contando le parole chiave…

  • Sinistra. Parola tabù, compare una volta sola, nell’introduzione… come per liberarsene subito, più fortunata la parola Centro (in senso politico), che compare due volte;
  • Lavoro. 14 parole, non sono poche. Almeno dal punto di vista del Discorso Politico, il Lavoro sta al centro…
  • Uguaglianza. 5 volte;
  • Merito. 0 volte. Rimosso. Non esiste;
  • Solidarietà. 1 volta, di striscio;
  • Democrazia. 16 volte;
  • Libertà. 3 volte, ma mai quella individuale;
  • Diritti. 9 volte;
  • Europa. 21 volte;
  • Patria. 0 volte… Paese invece 14.
  • Sviluppo. 3 volte, sempre sostenibile;
  • Mezzogiorno. 3 volte;
  • Donne. 6 volte, più fortunate degli Omosessuali, citati 0 volte;
  • Giovani. 3 volte;
  • Anziani. 0 volte;
  • Impresa. 3 volte, batte Operaio che compare due volte sole (dove gli si dice di non essere in competizione con l’impresa) e Precario, che appare una volta sola.
  • Patto batte Conflitto con un punteggio tennistico: 6-3.

La lettura conferma un’impressione a carattere generale. La lettera d’intenti – condivisibile o meno – appare come un prodotto dell’ideologia socialdemocratica e laborista del ‘900. C’è molta retorica sulla Democrazia, sull’Europa, sull’Uguaglianza. Sul piano economico si attribuisce una centralità un po’ stantia al Lavoro e sembra lontano il mondo di chi vuole crescere, di chi vuole cambiare, di chi immagina scenari rinnovati.

La lettera d’intenti è sintomatico di un centrosinistra che non ha saputo cogliere appieno i cambiamenti profondi degli ultimi anni. Di globalizzazione o di povertà si parla una volta sola. Di Internet non si parla mai così come non si accenna mai, neppure di sfuggita, al principio e l’importanza del merito. Insomma, magari questa lettera a qualcuno piacerà, ma difficilmente si può dire che si tratti di un documento innovativo e capace di guardare al futuro.

E soprattutto, tra le molte righe, non si riesce a cogliere un’anima, un filo comune, un’idea d’Italia. E’ inutile citarla per 41 volte, se poi non si sa che cosa sia e che cosa si voglia farla diventare…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Brontolamenti, borbottamenti e invettive, Musica, Popoli e politiche e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Parole, parole, parole… parole tra noi…

  1. Bianca 2007 ha detto:

    Che dire?…Non potrei che essere d’accordo con TE e su la canzone di Mina,bella e peritnente assai.
    Ciao,Mirka (FULVIA)

  2. erynwen ha detto:

    Caro marckuck la tua è un’analisi intelligente e sensibile. Soprattutto nelle conclusioni. Non posso far altro che ringraziarti per avermi dato un ulteriore punto di riflessione su quello che la politica italiana non è.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...