In ricordo della Balena Bianca

mobydick2Con la morte di Emilio Colombo non scompare solo l’ultimo dei Padri Costituenti ma anche l’ultimo leader della DC che fu, quel enorme, obeso partito-stato che ha connotato la storia della Repubblica dal 1946 al 1993. E così ieri notte, mentre per addormentarmi cercavo di ricordare la successione cronologica inversa dei presidenti del Consiglio della I Repubblica (Ciampi, Amato I, Andreotti VII, Andreotti VI, De Mita, Goria…), la mente è corsa al valore storico dell’esperienza democristiana.

Emilio Colombo incarnava perfettamente la dirigenza DC nella sua fase di massima identificazione con lo Stato (direi il quarto di secolo intercorso tra la morte di De Gasperi e la crisi del Governo Forlani). Salvo rare, rarissime eccezioni la DC non ha avuto dei grandi statisti o dei grandi intellettuali, ma essenzialmente dei decorosi gestori della cosa pubblica. Eruditi più che colti. Provincialotti più che cosmopoliti. Maneggioni ma consapevoli della necessità di porsi il limite del rispetto della Costituzione e del patto politico e sociale che questa aveva formalizzato. I vari Emilio Colombo, notabili inamidati nella loro eleganza un po’ campagnola fatta di grisaglie e doppio petto, hanno garantito per un lungo lasso di tempo la pace, una costante crescita economica, la trasformazione in senso industriale del Paese e un decoroso standard minimo di diritti civili, politici e sociali universalmente garantiti.

moro-funerali-leone-andreotti-fanfani-colombo

Quando la DC era all’apice del potere, esercitava un dominio soffice, discreto, ma soffocante, non solo sulle istituzioni, ma sul parastato, con un mix di lungimiranza, clientelismo e corruzione. Un partito che – dopo De Gasperi – non ha mai avuto un solo leader, ma sempre una pluralità di nomi da utilizzare per soddisfare il trend politico del momento. Dobbiamo svoltare a destra? Allora Scelba o Segni… Dobbiamo aprire a sinistra? Perfetto, c’è Moro… Dobbiamo essere tecnocratici? Ecco a voi Colombo… Serve un amico degli Stati Uniti? chi meglio di Taviani? Dobbiamo prender dei rischi e fare carambole? Amintore Fanfani… E su tutti, Giulio Andreotti, contemporaneamente tutto questo: amico di cardinali e americani, di fascisti e comunisti, con un occhio all’Europa e un’altro al sottobosco ciociaro o – Dio lo perdoni – palermitano…

Un partito conservatore, anzi bigotto e retrogrado, fatto di sagre e sagrestie. Cravatte mal annodate e letture sacre. Ostentazione di pubbliche virtù e omissione dei vizi privati, ma sempre fedele a pochi, chiari principi: la Costituzione, l’antifascismo, il controllato progresso sociale, l’Europa, la scelta atlantica. Per questa ragione non ho mai odiato la DC, pur criticandola durante i miei ventanni. Perché ho sempre riconosciuto questa continuità nelle strategie politiche di fondo e – anche se ho sempre riconosciuto tutti i difetti che mio padre comunista mi elencava – ho sempre visto in quel partito una grande realtà democratica e popolare.

La DC e il suo cammino “lento e continuo” verso una trasformazione guidata e sorvegliata della società italiana si è interrotto – a parer mio – con la morte di Aldo Moro, forse il solo leader democristiano (assieme a Fanfani) portato per la strategia di lungo periodo e non per la mera tattica di gestione quotidiana del potere (che pure sapeva padroneggiare benissimo). La scomparsa di Moro e l’interruzione del faticoso dialogo con il PCI ha reso tutti gli anni ’80 solo un lungo, straziante declino politico della DC, realtà politica ormai desueta per la fine di una visione evolutiva, per il venir meno di quel collante cattolico, contadino e piccolo borghese ne aveva favorito il potere e per la crisi del comunismo internazionale.

Nel 1989 – con un colpo di palazzo – andreottiani, forlaniani e socialisti si liberarono del governo De Mita. Il governo De Mita fu l’ultimo vero governo del “partito-stato” democristiano: tutti i superstiti leader storici del partito ne facevano parte. Giulio Andreotti era ministro degli Esteri, Amintore Fanfani ministro del Bilancio, Emilio Colombo ministro delle Finanze e Carlo Donat Cattin ministro della Sanità. E oltre a loro c’era nel governo tutto il meglio e il peggio della DC: la guapperia (Gava e Cirino Pomicino), il clientelismo bonario e spendaccione (Gaspari), la tecnocrazia illuminata (Mattarella), il cattolicesimo sociale (Russo Iervolino) e la deriva affaristica (Prandini). Caduto De Mita la I Repubblica si avvio verso il crollo, con i 2 pessimi governi presieduti da Giulio Andreotti (1989-1992) e infine con la transizione dei governi Amato e Ciampi.

Di quel partito non è rimasto più nulla. Nessun leader veramente “storico” (Forlani e De Mita – i due soli ex presidenti del Consiglio democristiani viventi – furono in fondo due mezzi leader) e nessuna possibilità di rifondarlo perché l’Italia degli anni ’50 non esiste più. E quindi la morte di Emilio Colombo mi colpisce perché è anche – direi soprattutto – l’estinzione di una specie. Aveva iniziato la carriera politica come sottosegretario nel governo De Gasperi, l’ha chiusa votando la fiducia al governo Letta-Alfano. Non riesco a immaginare uno stacco più netto tra il grande disegno di ricostruzione civile, democratica ed economica degasperiano e la malinconica gestione del declino del governicchio attuale…

Qualche anno fa Marco Bellocchio nel suo “Buongiorno Notte” ci ha regalato un finale strepitoso, 5 minuti memorabili. L’incubo della Resistenza, i brigatisti che fanno il segno della croce da bravi ragazzi cresciuti nell’Italia democristiana, l’assassinio del presidente e poi le immagini di repertorio della cerimonia ufficiale commemorativa, con le facce di pietra della burokratia democristiana tutti in fila, attoniti davanti alla morte che – inaspettata – è giunta a portare un elemento di tragedia shakesperiana in quella politica di bonario e improvvisato autoritarismo.

E alla fine, liberatorio e leggero, un indimenticabile Aldo Moro libero che fischietta tra le strade di Roma. Come sarebbe stata la nostra storia se questo fosse accaduto?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cose di giornata, Popoli e politiche, Saccenterie e trombonerie e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a In ricordo della Balena Bianca

  1. dopo 77 anni: Andy Murray. Urge uno dei tuoi post-capolavori sul tennis!

  2. marckuck ha detto:

    gionocio, non sarà mai bello come “cuori spezzati”, del 2009

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...