Brevi appunti sulla secessione friulana…

Considero il “referendum” (anzi, il plebiscito per rispettare il claudicante lessico degli organizzatori, convinti – poverini – che i due termini siano sinonimi) per la secessione friulana una fesseria indegna di un popolo serio e con un forte senso del ridicolo come il nostro. Però la storia è piena di vicende cominciate come commedie e finite come tragedie e quindi, una riflessione si impone.

La prima cosa che tengo a dire è che Il Messaggero Veneto sbaglia a trattare tutta questa vicenda come se fosse una cosa seria. Il blog del direttore afferma che “la consultazione online per l’indipendenza del Friuli è partita. Il popolo friulano avrà 30 giorni di tempo per indicare il proprio futuro”, frase fasulla dal momento che questa pantomima non ha alcun valore giuridico o formale, quindi “il popolo friulano” non deciderà un bel nulla, neppure se dovesse votare in massa. Poi all’interno del giornale si descrivono le procedure di voto con tanto di schemi e figure, quasi a voler far credere che tutto questo abbia un senso reale. Perché? Non lo so, ma non mi pare del tutto opportuno. E quindi, passo a formulare alcune (retoriche) domande, come se discutessimo di una cosa vera…

  1. Sulla regolarità della consultazione. Esiste un processo negoziale tra l’ipotetica “Repubblica Friulana” e la Repubblica Italiana? E se si, stipulato da chi e su quali basi? Perché la consultazione avviene solo online, considerando che questo esclude chi non ha accesso a una connessione internet o – magari – manca delle necessarie competenze informatiche? Non si ritiene questa una forma di discriminazione tra potenziali elettori? Esiste un’autorità terza e neutrale che sovrintende al processo elettorale garantendone regolarità e neutralità o tutto viene demandato alla “fiducia” negli organizzatori, al tempo stesso arbitri e giocatori? E da quando in qua una competizione rimane aperta per un mese intero? Quando si votò in Quebec o Scozia le urne rimasero aperte poche ore, non 30 giorni…
  2. Sugli esiti. Il corpo elettorale immagino corrisponda ai futuri cittadini dell’ipotetica Repubblica Friulana. Stando al sito, “possono votare solo coloro che hanno origine nei territori del Friuli storico”. Che significa “hanno origine”. Che ci sono nati? (quindi vale lo ius soli) o che discendono da friulani (quindi lo ius sanguinis). E chi è nato qua da genitori di altra regione ma che considera il Friuli casa propria, verrà privato dei diritti politici e sociali? E chi, come me, si considera un leale suddito della Repubblica Italiana e ne è pure orgoglioso che farà? Dovrà espatriare? E dove, visto che questa è la mia terra? Il “Friuli Storico” tocca anche la Slovenia, quindi ci saranno rivendicazioni a carattere anche militare di terre oltreconfine? Infine, la descrizione di un prossimo Friuli/Bengodi ricco, moderno, innovativo trascura un fatto: chi pagherebbe, ad esempio, le pensioni INPS dal mese prossimo? Con quali soldi?
  3. L’elezione del Parlamento. Pare che si voti anche per un presunto “parlamento” ma i candidati sono una decina, nessuno dei quali – ad occhio e croce – sembra essere la reincarnazione di Thomas Jefferson o di Nelson Mandela. Noto però che non esiste una competizione articolata in partiti politici, quindi questa fantomatica “Repubblica del Friuli” sarebbe a partito unico? Come la Corea del Nord? E la Costituzione chi la scriverebbe? Quei 10 signori lì?

A tutte queste domande anche il più scarso tra i miei studenti di Diritto Costituzionale Comparato saprebbe dare una risposta di buon senso. Sul fatto che possano darla gli organizzatori di questa carnevalata a tinte eversive, francamente ne dubito…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in "Premio Notaras", borbottamenti e invettive e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Brevi appunti sulla secessione friulana…

  1. nodders ha detto:

    E che ne pensi, marckuck, del direttore del Messaggero Veneto che pubblicamente indica di aver intenzione di votare? Sta dando pubblicità gratuita e indiretto appoggio a questa carnevalata?

  2. Il Messaggero Veneto non sarà certamente una potenza “Springer” ma i suoi tentativi manipolatori e squallidi non gli sono inferiori. Testare il terreno dando per certo un risultato fasullo o comunque assolutamente fuori da ogni possibile realtà è indegno per qualsiasi media che si rispetti,per ogni persona meritevole di saluto. Mirka

  3. vannicam ha detto:

    meno male che proprio quest’anno mi son fatto il passaporto.

  4. marckuck ha detto:

    Nodders, è proprio il narcisismo un po’ sciocco di Monastier che mi ha scatenato. Mirka, come sopra. Vannicam, salutami Gionocio.

  5. vannicam ha detto:

    Gionocio ringrazia e ricambia. Privo di necessario passaporto aspetta e confida che la Repubblica Friulana si scinda nei Ducati di Udine, Tarcento, Codroipo e Torviscosa e dopo una serie di guerre civili e intestine (a Torviscosa causa l’intolleranza al latte e ai suoi derivati) si addivenga a più miti consigli, si decida di rientrare nell’Unione Europea e si accettino i cittadini dell’Unione alla semplice esibizione di una banconota dell’Euro.

  6. marckuck ha detto:

    Urge studio finanziario sul tasso di cambio tra Euro e Friconio d’Argento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...